Programma elettorale

+

Programma amministrativo del candidato sindaco


Sandro Principe

Elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Rende

26 Maggio 2019


Rende nel primo decennio del terzo millennio, aveva raggiunto lusinghieri traguardi.

Gli anni 2013 e 2014, e quelli successivi, sono stati deleteri per la Comunità rendese che ha subito un vero e proprio processo di periferizzazione, con la perdita di centralità nell’area urbana, con un indebolimento del motore economico e con un crescente degrado nell’erogazione dei servizi, nell’arredo urbano e nella qualità della vita.

Questo scenario mi ha indotto, in ciò stimolato da cittadini e categorie sociali, a compiere un gesto d’amore per la città, quella Rende che per me ha sempre rappresentato un ideale.


Obiettivo primario

Il primo obiettivo della mia amministrazione sarà di riportare Rende ai livelli raggiunti 5 – 6 anni fa e cioè una città pulita, ordinata, gradevole nell’arredo urbano con tutti i servizi perfettamente funzionanti, vissuta, viva e operosa per essere pronta a ridiventare punto di riferimento della provincia e della regione, riproducendo il sogno che avevamo fatto alla fine degli anni ‘70 e che nel terzo millennio era diventato realtà.


Visioni, programmi, progetti

Riguadagnato il tempo perduto guarderemo al futuro riprendendo a sognare e a produrre visioni, programmi e progetti.

Una città solidale

Una città solidale vicina ai più deboli, a chi è rimasto indietro, alle famiglie, alle giovani coppie, ai bambini e anche agli immigrati presenti sul territorio. Per favorire tutte le attività di sostegno e assistenziali, soprattutto per alcune categorie (portatori handicap), il Comune favorirà la nascita dell’impresa sociale attraverso l’impiego di risorse a fondo perduto e appositi voucher per i potenziali utenti dell’impresa sociale stessa. Il comune favorirà al massimo il servizio sanitario sul territorio. La scelta fatta negli anni ‘80 di realizzare il Poliambulatorio, che annualmente è capace di offrire centinaia di migliaia di prestazioni, deve essere potenziata nei  prossimi anni anche con appositi servizi domiciliari per portatori di handicap e per malati terminali.
E’ mia intenzione esercitare in modo pieno e sostanziale le funzioni di massima autorità sanitaria sul territorio  con iniziative di indirizzo e di controllo sulle Istituzioni che gestiscono il servizio. L’organizzazione sanitaria sul territorio dovrà favorire lo snellimento e la funzionalità del pronto soccorso ospedaliero, anche attraverso la collaborazione dei medici di base  che saranno stimolati e messi in condizione di svolgere il loro ruolo essenziale nei confronti di chi soffre. Sarà dato, inoltre. spazio attraverso l’utilizzo di fondi nazionali ed europei ad iniziative rivolte ai minori portatori di handicap con la realizzazione di un parco giochi inclusivo e una eventuale struttura per dare vita al progetto dopo di noi rivolto ai genitori di persone con disabilità.

Una città più ricca

Una città che incrementi il suo essere la comunità calabrese con il Pil più alto procapite. Una città, quindi, che vuole ritornare a crescere, dando benessere e servizi ai suoi cittadini e possibilità di lavoro ai giovani:

      1. Rilancio della zona industriale (infrastrutture, collegamento con la città, defiscalizzazione possibile, centro servizi e investimenti su generalizzata manutenzione straordinaria e bonifica dell’area, agenzia per l’attrattività);
      2. Rilancio del commercio (basta saracinesche chiuse). Anche qui con una defiscalizzazione possibile e con un ripresa dell’attrattività della città, anche attraverso le attività culturali e di spettacolo di cui parleremo a parte
      3. Attirare investimenti sul territorio sfruttando al massimo le possibilità offerte dall’Unione europea. A tal fine nella struttura comunale dovrà essere organizzato un apposito ufficio. Reinventare un rapporto virtuoso con l’università della Calabria (Ricerca e sviluppo) e il mondo imprenditoriale;
      4. Servire con la rete del metano le aree del territorio che attualmente ne sono prive.
      5. Realizzazione del progetto Rotonde Artistiche, per abbellire le rotonde esistenti sul nostro sistema stradale con opere artistiche.

Una città nell’area urbana verso la città unica con Cosenza, Castrolibero e Montalto

Rilancio dell’idea di area urbana per arrivare alla città unica. Alla città unica si perviene dopo aver programmato e gestito insieme i servizi di base e attraverso un attento e compiuto progetto da sottoporre, successivamente, all’approvazione del cittadini. Il referendum di fusione, infatti, va indetto affinché i cittadini si pronuncino sul progetto pieno di contenuti e non sul nulla. Ciò sta a significare:

Programmazione comune e condivisa del territorio. Non è possibile che oggi le due città siano impegnate per l’adozione del Psc senza che i sindaci al riguardo si siano mai incontrati;

Una gestione innovativa nel servizio di raccolta e di conferimento dei rifiuti solidi urbani, per garantire risparmio a famiglie e imprese;

La creazione di un servizio di teleriscaldamento per economizzare i costi energetici di tutti i cittadini;

Gestione comune del rapporto con l’università per diventare essa, di fatto e nel godimento di cittadini e studenti, un quartiere della città;

Programmazione comune dei servizi sanitari, partendo dalla costruzione del nuovo ospedale che a nostro avviso deve essere localizzato nell’area universitaria, con il doppio beneficio di avere a disposizione, senza spendere 1 euro, i terreni già di proprietà pubblica presenti nell’area e con la prospettiva di istituire la facoltà di medicina di cui all’Unical è già attivo il triennio iniziale.

Una città colta

Bisogna intensificare al massimo, utilizzando i fondi del Por e dell’Ue, le attività culturali, sperimentando anche le capacità locali di produrre rappresentazioni e mostre. La mia amministrazione sarà impegnata nel comparto e doterà Rende di un teatro per 800 spettatori da affidare in gestione alle locali compagnie teatrali, che faticosamente si stanno affermando sullo scenario nazionale. Rende è dotata di tante strutture pubbliche capaci di ospitare spettacoli di varia natura. La mia amministrazione favorirà la nascita dell’impresa culturale per arrivare a una gestione imprenditoriale delle attività culturali e degli spettacoli, in grado di assicurare all’ente pubblico anche l’afflusso di risorse finanziarie. Tali risorse saranno destinate al welfare.

Le attività culturali vanno armonizzate con Cosenza e gli altri Comuni dell’area per pervenire a un unico cartellone.

Una città per lo sport

La mia amministrazione rilancerà tutte le attività sportive e l’utilizzo virtuoso e comunitario dei tanti impianti negli anni precedenti realizzati sul nostro territorio. Siamo impegnati a costruire il nuovo stadio di calcio per la prima squadra, utilizzando a tal fine altre risorse comunitarie e anche una parte dei proventi derivanti dalla vendita dell’area su cui oggi insiste lo stadio Lorenzon che è già con destinazione residenziale e che rappresenta un patrimonio notevole per il Comune.

Un Centro storico vitale

Il Centro storico per noi non è solo pietre. Noi lo amiamo in maniera viscerale. La mia amministrazione rilancerà l’idea del paese albergo che Rende con i suoi musei, le sue chiese restaurate, con le sue scale mobili, con il suo impianto medievale incontaminato e reso stabile dagli investimenti fatti per mettere in sicurezza le pendici del colle, ha tutte le caratteristiche di realizzare. A tal fine, la mia amministrazione si rapporterà in modo specifico con l’Ue per favorire la creazione di B&B con contributi a fondo perduto per posto letto; favorirà, inoltre, l’affermazione dell’artigianato artistico attraverso il sostegno all’impresa artigiana, stimolando l’artigiano formatore e il giovane, che all’artigianato artistico vuole avvicinarsi, con appositi voucher. Per sostenere le attività culturali nella città e, in modo particolare, nel Centro storico, il comune sosterrà la creazione dell’impresa culturale.

Un Comune efficiente

La  mia amministrazione punterà ad innovare tutti i servizi comunali, interni ed esterni, per renderli più efficienti e rapidi a vantaggio della comunità. A tal fine, il Comune, con appositi progetti, cercherà di coniugare efficienza e riduzione dei costi, incentivando il personale dipendente a cui sarà devoluta una parte delle risorse finanziarie economizzate.

L’Amministrazione Principe fonderà la sua azione nel segno della lealtà nei confronti dei cittadini. Tutto sarà disponibile per tutti. I servizi comunali saranno sempre a disposizione di chi ha necessità. Il Comune sarà sempre aperto e pronto a fornire risposte immediate.

Una città che difende l’Ambiente

La mia amministrazione intende attuare il Piano regolatore generale del 2001 senza incremento volumetrico. Saranno effettuati solo provvedimenti finalizzati a migliorare la normativa, per favorire la predetta attuazione del Prg, con particolare riferimento ai Pau (Piani di attuazione);

Saranno curati e ammodernati tutti i parchi, le ville e i giardini, riservando parte di essi per lo svago dei bambini, degli anziani e delle famiglie. Nel Parco Robinson saranno riportati gli animali (caprette, pavoni, volatili, struzzi, daini, cavalli). Faremo di tutto per realizzare gli orti in città da assegnare agli anziani. Cura particolare sarà dedicata all’arredo urbano e alla funzionalità del Parco Acquatico che può diventare riferimento per l’intera provincia;

La mia amministrazione realizzerà il nuovo cimitero in area centrale. Impedirà che i nostri defunti siano seppelliti in una landa desolata vicino San Fili.

Formazione della nuova classe dirigente

Le liste che mi sostengono sono fortemente rinnovate, ricche di giovani donne e di giovani uomini che rappresentano uno spaccato della comunità rendese: operai, commercianti, imprenditori, intellettuali, professori, professionisti, operatori sportivi. La candidatura a sindaco di una persona ricca di esperienza che ha ricoperto importanti ruoli nelle Istituzioni, ha la finalità di formare una nuova classe dirigente per la Rende del futuro. Un sindaco saggio per la classe dirigente del futuro, un sindaco saggio circondato da tanti giovani.

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the transfers internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *