Tennis, è sempre l’ora… della guardiania

di GIANFRANCO DE FRANCO

Dopo aver speso (e continua a farlo) un sacco di soldi per la guardiania e la custodia del parco acquatico, ora l’amministrazione Manna ha deciso che è arrivata l’ora dei campetti di tennis di Commenda: si chiudono e si custodiscono a spese dei cittadini di Rende. Insomma, parafrasando un celebre spot pubblicitario, è sempre l’ora … della guardiania.

 


Intanto i soldi per la guardiania usciranno

I soldi per pagare un nuovo canone, dunque, usciranno. Alla faccia di chi diceva che soldi in cassa non ce ne sono, come l’assessore Quintino Sella e Azzeccagarbugli.

Tanto le buche possono aspettare

L’operazione messa in piedi perciò sembra l’opposto della buona amministrazione. Ma in fondo chi se ne frega tanto i soldi sono dei rendesi e poi le buche possono aspettare.

Schematizziamo:

  1. Intorno al Comune circolano da tempo “squali” che ben conosciamo;
  2. L’obiettivo è quello di “arraffare” tutto il possibile. Ovviamente per interposta persona;
  3. Il sistema scelto è quello di “privatizzare” attraverso uno strumento moderno ed efficace come il “project financing”;
  4. A Rende ci sono molte strutture adatte che possono fruttare un bel po’ di soldi;
  5. Bisogna trovare gli amministratori “giusti”;
  6. A scrupoli, amministratori e “squali”  stanno a zero.

Se vinceremo le elezioni cacceremo gli squali

Se vinceremo le elezioni manderemo a governare una  classe dirigente giovane e competente che tiene alle persone e che è in grado di governare un Comune così importante come Rende. Gli squali dovranno trovarsi un’altro mare. Mentre gli attuali (dis)amministratori se ne torneranno a casa. E visto che hanno fiutato il pericolo cercano di sbrigarsi.

 

 

 

One comment

  1. Veronique said on febbraio 6, 2019 Rispondi
    Resta soltanto una grande tristezza, poiché anche questi ultimi risvolti confermano quanto finora soltanto sospettato.... Invece di mettere un minimo di risorse per l'asilo che è adiacente ai campi da tennis, e versa in condizioni vetuste e precarie, con caldo insopportabile in inverno (a causa di malfunzionamenti nell'impianto di riscaldamento) e caldo insostenibile con l'arrivo della bella stagione. Se prima molti cittadini avevano qualche dubbio su chi preferire alle prossime votazioni, ora dovrebbero avere una più chiara visione.....

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the transfers internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *